Close

Stefano Gatti, “ANARCHICI A FABRIANO. Dall’Unità alla Liberazione”

15,00 

Descrizione

148x210h mm, 147 pp., ill. in bianco e nero

LEGGI UN’ANTEPRIMA DEL LIBRO

Questo è il libro che desideravo scrivere da tanti anni, sin da quando, nel 1992, ho iniziato a interessarmi di storia locale e a ricercare sul movimento operaio fabrianese, sul sovversivismo, sul cooperativismo, sulle lotte dei cartari, degli anarchici, dei repubblicani, dei socialisti. Dell’Anarchia fabrianese ho sempre trattato nei miei libri precedenti ma mai direttamente, mai in un volume monografico come questo. In realtà, solo il secondo capitolo del presente libro si focalizza sulle biografie degli anarchici fabrianesi che hanno lasciato maggiormente il segno in ambito locale, nazionale e, come nel caso di Luigi Fabbri, internazionale. Il primo capitolo ricostruisce, infatti, gli eventi della storia fabrianese tra l’Unità e la Liberazione; eventi comunque in cui molto spesso gli anarchici sono assoluti protagonisti. Mentre nel primo capitolo mi avvalgo per lo più di una ricostruzione già pubblicata, cioè la sinossi cronistorica scritta da me e dal titolo Nel mondo in Italia a Fabriano 1789-2014, edita nel 2015 dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Fabriano e Cupramontana, il secondo capitolo è costruito sulle ricerche da me condotte nel 2018 e 2019 nell’Archivio Centrale dello Stato di Roma e nell’Archivio di Stato di Ancona, ma è debitore anche dell’imponente Dizionario biografico degli anarchici italiani, diretto da Maurizio Antonioli, Giampietro Berti, Santi Fedele, Pasquale Iuso e pubblicato nel 2004 dalle BFS Edizioni di Pisa.

Questo è il libro che desideravo scrivere da tanti anni perché con esso intendo rendere omaggio all’Anarchia, a cui umanamente devo molto. Mi sono infatti formato in ambito socio-politico e culturale leggendo nell’adolescenza e nella giovinezza gli scritti di Michail Aleksandrovič Bakunin, di Pëtr Alekseevič Kropotkin, di Errico Malatesta e di Luigi Fabbri e prendendo come modelli (non riuscendo però a essere inappuntabile come loro) grandi anarchici del nostro territorio come l’anconetano Luciano Farinelli (1931-1995), per decenni anima e redattore responsabile de “L’Internazionale”, giornale periodico iniziato da Malatesta nel 1901, poi organo dei Gruppi d’Iniziativa Anarchica (GIA).
Questo è il libro che ho iniziato a progettare all’indomani del convegno internazionale “Luigi Fabbri, vita e idee di un intellettuale anarchico e antifascista”, tenutosi al Teatro Gentile da Fabriano l’11 e il 12 novembre 2005 e organizzato dalla Biblioteca “Franco Serantini” di Pisa. All’epoca ho avuto la fortuna di collaborare alla preparazione dell’evento e di lavorare con la sezione “Michail Bakunin” della Federazione Anarchica Italiana (FAI) di Jesi, a cui esprimo la mia gratitudine.
Concludo ringraziando Annarita Vedova, Alfredo Feliciani, Juan Carlos Carrillo Vedova, Giorgio Arteconi e Sandro Franca che, appena venuti a conoscenza del progetto, mi hanno sostenuto, incoraggiato e supportato, mettendo anche a disposizione le foto pubblicate nel volume. Ringrazio anche lo storico fabrianese Luciano Stroppa, che ha gentilmente concesso all’editore l’autorizzazione a pubblicare foto di sua proprietà.

INDICE

PREMESSA

Capitolo 1 Gli eventi
La subcultura rossa
L’età giolittiana
La Settimana Rossa
Dalla Prima guerra mondiale al Biennio rosso
Fascisti contro sovversivi
La Resistenza

Capitolo 2 I personaggi
Napoleone Papini
Cesare Stazi
Luigi Fabbri
Giuseppe Vedova
Rubens Vedova
Comunardo Vedova
Cafiero Vedova
Domenico Vedova
Attilio Franca

Conclusioni

APPARATI

Fonti
Bibliografia
Indice dei nomi

 

Informazioni aggiuntive

Anno

Autore

Città

EAN

Editore