Close

Sotto la Cattedrale. Scoperte e riflessioni a seguito dei lavori di consolidamento della Cattedrale di Perugia

30,00

  • Anno: 2009
  • Autore: Vagni Luciano
  • Città: Foligno
  • Editore: Il Formichiere & Edicit
  • EAN: 9788898428106
Categoria: Product ID: 1907

Descrizione

320 p., f.to cm 25 x 33, ill.colori, cartonato con sovracoperta.

I lavori di consolidamento effettuati nella Cattedrale perugina e nei locali attigui hanno riportato alla luce uno scenario sorprendente, con ritrovamenti che risalgono alla Perugia etrusca, con le sue fondamenta e i suoi pozzi, a quella romana e a quella bizantino-romanica. Nell’arce perugina, dove venivano collocati i richiami del sacro quasi a farli essere spazialmente più vicini al numinoso, laddove si trova ora il chiostro superiore della cattedrale si trovava un grandioso santuario etrusco, che si estendeva fin sotto l’abside. A valle del santuario, completamente svincolata urbanisticamente dall’imponente sua mole, correva una strada etrusca della larghezza di quasi quattro metri, ritrovata perfettamente integra poiché rinterrata nella fase di risistemazione urbanistica effettuata dal dominio di Roma repubblicana. Sulla base del modello celeste seguito dagli Etruschi per la costruzione della città, l’Autore è riuscito a determinare la posizione delle porte, dei templi, delle postierle dei morti, riscontrando inoltre singolari coincidenze geometriche, indici di una straordinaria conoscenza, da parte dei fondatori della città, sia della geometria che della sua applicazione agrimensoria, la gromatica. Gli antichi resti romani si intersecano con le murature medievali e proto rinascimentali, così come l’eco dei personaggi che abitarono quelle stanze – da Gérard du Puy, noto ai perugini come “l’Abate di Monmaggiore”, a Papa Martino IV, da Ladislao di Durazzo a Braccio Fortebraccio da Montone – si diffonde nel presente, riavvicinando le loro storie a quelle dei loro successori. Vagni, riportando con rigore le fasi progettuali ed esecutive degli interventi, le ipotesi sollevate e le considerazioni conseguenti, è riuscito a tradurre il chiarissimo linguaggio delle pietre e dei numerosi reperti in un libro affascinante che susciterà interesse, dibattiti, confronti, e che, ponendo all’attenzione degli studiosi una serie di argomentazioni e colmando molti vuoti presenti nella storia della città, ma anche relativamente alla civiltà degli Etruschi e alla difesa della civiltà romana dopo la caduta dell’Impero romano, costringerà a riscrivere la storia di Perugia.