Close

Galliano CRINELLA (a cura di), “Bartolo da Sassoferrato e il diritto pubblico”

20,00 

Descrizione

170x240h mm, pp. 114, ill. a colori

Il volume raccoglie gli Atti del Convegno sul tema: Bartolo da Sassoferrato e il diritto pubblico, con le relazioni e le comunicazioni presentate e discusse nell’occasione. Il Convegno si è tenuto in Sassoferrato il 29 ottobre 2022, promosso dall’Istituto internazionale di Studi Piceni “Bartolo da Sassoferrato”, con il patrocinio di Comune di Sassoferrato, Regione Marche, Fondazione Carifac e Università di Urbino Carlo Bo. Due le sessioni, la mattutina presieduta da Luigi Lacchè (Università di Macerata) e la pomeridiana che ha visto alla presidenza Ferdinando Treggiari (Università di Perugia). Ha coordinato i lavori la Dott.ssa Anna Amori, responsabile dell’Ufficio Cultura del Comune di Sassoferrato. Erano presenti la Dott.ssa Gerarda La Sala, del Commissariato di Polizia di Fabriano, in rappresentanza del Questore di Ancona, il Comandante dei Carabinieri di Sassoferrato Maresciallo Maggiore Matteo Prencipe, il Sindaco della città Ing. Maurizio Greci, l’Assessore alla Cultura Dott.ssa Lorena Varani, il sottoscritto Presidente dell’Istituto promotore. Il Prefetto di Ancona, Dr. Darco Pellos, ha fatto avere il suo messaggio di buon lavoro ai convegnisti.
Dopo il Convegno internazionale sul tema Il “De insigniis et armis”. Dalla sapienza civile all’umanesimo giuridico, i cui Atti sono stati pubblicati nel sesto volume della Collana di “Studi bartoliani”, con la traduzione del trattato di Attilio Turrioni e le annotazioni critiche di Diego Quaglioni, è continuata in questo modo, con la collaborazione di illustri studiosi, docenti universitari e magistrati, la ricerca dell’Istituto “Bartolo da Sassoferrato” attorno alla figura del grande giurista e al suo fondamentale contributo alla definizione della civiltà e della coscienza giuridica europea.
Il Convegno sul diritto pubblico, riconosciuto dall’Ordine degli Avvocati di Ancona come evento di formazione, si è rivelato ricco di contributi scientifici, in una dialettica tra storici del diritto, operatori del diritto e studiosi del pensiero bartoliano, ed è stato di fondamentale rilievo nel sottolineare il contributo del grande sentinate per la nascita del diritto pubblico. Il Convegno era dedicato a Dario Razzi, magistrato sassoferratese, già Sostituto Procuratore Generale presso la Corte di Appello di Perugia e Membro del Comitato Scientifico dell’Istituto. Razzi è stato, allo stesso tempo, un autorevole studioso del pensiero bartoliano e, particolarmente, dei suoi trattati politici, avendo collaborato attivamente alla loro riproposizione e pubblicazione nella Collana “Piccola biblioteca del pensiero giuridico” raccolta da Diego Quaglioni.
Possono introdurci ai contenuti del nostro volume le considerazioni che il valente magistrato faceva nella sua introduzione ai Trattati politici sulla tirannide, sulle costituzioni politiche, sui partiti, in cui Razzi scriveva così: “Bartolo definisce alcuni concetti-base che si riveleranno fondamento del diritto pubblico. In ogni ordinamento giuridico generale o particolare vi è un funzionario pubblico che applica il diritto e che al diritto è soggetto. Tiranno, per Bartolo, è chi non rispetta il diritto del suo ordinamento giuridico. A tal fine, elabora una dettagliata casistica sui vizi di legittimità dei provvedimenti amministrativi che ritroviamo tuttora, non sempre consapevolmente, nelle moderne dottrine pubblicistiche.
Nel Trattato sulle Costituzioni politiche Bartolo affronta lo stesso tema da diverso angolo visuale: non tutte le forme di governo sono ottimali per tutti gli ordinamenti giuridici, in ciò il giurista deve essere consulente di chi esercita il potere nello scegliere la forma di governo più idonea a prevenire e scongiurare la deriva tirannica. Ulteriore angolazione visuale si ha nel Trattato sui Partiti. Non basta una buona Costituzione politica per ripararsi dalla degenerazione tirannica, in quanto la politica cammina con le gambe degli uomini che la praticano in organizzazioni politiche. Di qui la necessità, per Bartolo, che la legge regoli la vita dei partiti politici. La casistica medioevale è ovviamente diversa da quella contemporanea e ognuno potrà crearsene una sua propria prendendo lo spunto dall’attualità, ma il principio di fondo rimane lo stesso: non può esserci una zona privata grigia, non illuminata dal diritto, quando si tratti di attività politiche che, per la loro natura, sono e debbono in concreto rimanere pubbliche”.
Come sostiene inoltre Diego Quaglioni, il titolo e il tema del Convegno avrebbero potuto essere “Bartolo e il diritto pubblico nel Medioevo”, o “Bartolo e il diritto pubblico del suo tempo”, ma il titolo “Bartolo e il diritto pubblico” indica che vi era un obiettivo più ampio, quello di voler appunto andare oltre la dimensione circoscritta all’età intermedia e tentare di cogliere i frutti che Bartolo e, se lo si vuole ancora chiamare così, il “bartolismo” hanno portato alla costruzione di un ius publicum in Europa, come contributo alla modernità giuridica. Credo che si sia aperta una prospettiva già ben ponderata su questo tema e che sicuramente potrà essere anche di stimolo ad una ricerca e ad una definizione del positivo rapporto che il Convegno a messo a tema, che sia ancora più compiuta e che metta in evidenza ulteriori linee ed argomenti a sostegno di un’ipotesi interpretativa già individuata e proposta con rigore ed efficacia.

Galliano Crinella
Presidente dell’Istituto internazionale di Studi Piceni “Bartolo da Sassoferrato”

 

Indice

Galliano Crinella, Premessa

Luigi Lacchè, Intervento introduttivo

Diego Quaglioni, Medioevo giuridico e diritto pubblico

Giuseppe Severini, Ai primordi del diritto amministrativo: Bartolo e l’exercitium della potestà pubblica

Mario Ascheri, Bartolo tra Stato e città-Stato

Cesare Pinelli, Riflessioni sulla nozione di sovranità tra Bartolo e i moderni

Massimo Pagliarini, Bartolo e l’interpretazione giuridica

Ferdinando Treggiari, «Consensus populi». Potere normativo e legalità cittadina nel pensiero di Bartolo da Sassoferrato

Repertorio fotografico

Indice dei nomi

 

Informazioni aggiuntive

Anno

Autore

Città

EAN

Editore